VETRATE ARTISTICHE MURANO

Cracked

Cracked

Vetrate Artistiche Murano,
design di Matteo Silverio

Che cos’è un jersey? Una barriera da non oltrepassare, un confine. E cosa separa una barriera? Due sensi di marcia, ad esempio, o due zone; può separare una popolazione da un’altra, ma anche una stessa famiglia. Quante volte abbiamo assistito all’erezione di barriere di dubbia utilità? Pensiamo a quelle che separano Israele da Gaza e dalla Cisgiordania, al Muro di Berlino, al “big, beautiful wall” che Trump ha promesso tra Mexico e USA.

Cracked (“fratturato”) vuole far riflettere sul concetto di divisione. Il progetto è realizzato con la tecnica Tiffany: una legatura in rame che combina parti a specchio con altre in vetro trasparente serigrafato e raffigurante immagini della primavera araba, il simbolo della ribellione (frattura) socio-culturale medio-orientale.

Il jersey ha al suo interno una frattura, un foro passante in grado di connettere il “di qua” e il “di là” della barriera. Le parti in vetro in concomitanza con la frattura sono specchiate: osservando quello che c’è oltre il foro, si ha anche modo di specchiarsi. Grazie a questo espediente si spinge lo spettatore ad una riflessione: “sei proprio sicuro che chi sta oltre la barriera sia così diverso da te?”.

Vetrate Artistiche Murano

Murano Venezia – Ramo San Bernardo, 4

Nel 1984 Luciano Bullo, dopo anni di esperienza maturata a contatto con esperti restauratori veneziani, fonda a Murano Vetrate a Piombo Artistiche, ditta specializzata nella produzione e nel restauro di vetrate tradizionali veneziane. Grazie alle numerose e importanti esperienze nell’ambito delle vetrate tradizionali veneziane, negli anni la ditta è diventata una tra le più importanti del settore. Stefano Bullo, figlio di Luciano e Michela, si inserisce fin da ragazzo nell’attività di famiglia aiutando nella progettazione di vetrate su disegno. Conclusi gli studi all’Accademia di Belle Arti di Venezia e dopo avere intrapreso la carriera di Artista Visivo, Stefano decide di proseguire il percorso artigianale di famiglia parallelamente a quello di artista. Nell’ottobre 2014 rileva l’attività e cambia il nome della ditta in Vetrate Artistiche Murano di Bullo Stefano. La sperimentazione, l’uso costante del vetro artistico lavorato a Murano assieme alla decorazione pittorica a smalti e grisaglie, il restauro e la produzione di vetrate tradizionali caratterizzano oggi le produzioni del laboratorio.